Biografia

Chi sono

Claudia Amadesi

Claudia nasce a Erba e intraprende la sua carriera artistica subito dopo essersi diplomata presso l’Istituto Statale d’Arte nella sezione di decorazione pittorica; specializzata in comunicazione visiva a Milano, ha iniziato a ricercare nuove tecniche grafiche e di composizione. Lavora da sempre come creativo dividendo la sua passione per la gestualità del dipinto a confronto con l’elaborazione fotografica e grafica. È sempre molto attiva e interessata a nuove sfide nel campo dell’arte elaborando nuove tecniche basate sulla materia a confronto del colore.

PERSONALI
1993 – Esposizione Villa Beauharnais – Pusiano
1996 – Mostra personale -Tetto Fraterno – Erba
2003 – Mostra personale Hotel De Prati – Ferrara
2003 – Mostra personale Colori introspettivi – Villa S. Giuseppe – Erba
2004 – Mostra Personale “Alchimie e Segreti” – Comune di Valmadrera
2004 – Esposizione personale “Il Volo” – Milano
2004 – Esposizione personale Arte Immagini – Cremona
2005 – Mostra personale “Art Factory”- Milano
2005 – Scenografia “Flamenco” – Il corpo nella mente – Villa Sirtori
2005 – Mostra personale 1° premio Web Art – La Tavolozza – Pontedera
2005 – Esposizione Galleria World Fine Art Gallery – Agosto 2005 – New York
2005 – Mostra personale “Fenice Gallery” – Venezia
2005 – Mostra personale “Noy” – Milano
2006 – Mostra personale – Centro Culturale Orto degli Angeli – Biella
2006 – Cammin’Art – Brunate (Como) – Esposizione ex hotel Milano
2007 – Mostra personale – Contatto d’Arte – Zanica – Bergamo
2007 – Esposizione Sala Museale del Baraccano – S.Stefano – Bologna
2007 – Cammin’Art – Brunate (Como) – Esposizione ex hotel Milano
2013 – Mostra personale – Inverigo (Como) – Esposizione presso la Vignetta
2013 – Mostra personale – Sangalli – Lecco
2014 – Mostra personale- Ram Serramenti – Civate

PREMI
1992 – Como -3° premio Nova Comum nella sezione astratto-informale
1997 – 1° premio Chromocard (grafica)
1998 – 1° premio concorso manifestazione Eurofolk.
1999 – 1° premio per la creazione logo per il Comune di Erba
2000 – 1° premio per la creazione logo 50° AVIS
2002 – 6° premio concorso Artech 2002 – Danza tecnologica
2004 – Concorso Elexpo calendario artisti  – Jazz in blu-mese di marzo 2005
2004 – 1° Premio MDA Rassegna Week-end – Milano
2005 – Premio Hotel Principe di Savoia – Milano -Forme e magie d’autunno
2006 – 2° premio concorso – Il letto di Giulietta – Verona
2006 – Finalista Premio Seetal 2006 – Svizzera tedesca
2006 – Finalista web art – Albero Celeste- S. Gimignano – Intrappolato nel Muro
2006 – Finalista Segni ’06 – Torino
2009 – Premio della Giuria Artisti in Emersione – Grand Hotel Portovenere
2009 – 5° premio della Giuria – Archigallery Milano – Arte e Benessere
2010 – Finalista premiata concorso Logo XXI secolo – Genova

FIERE
1991 – Stand personale – Lariofiere – Erba
2002 – Esposizione internazionale presso il Castello Estense di Ferrara
2003 – Rappresentanza italiana Biennale d’Arte Contemporanea – Firenze
2008 – RistoExpo – Esposizione personale – Lariofiere – Erba
2009 – Proponendo – Expò Arte – Forte dei Marmi
2015 – Spazio personale Scomparti – Lariofiere – Erba

COLLETTIVE
1990 – Collettiva: un metro quadrato d’amore – Villa S. Giuseppe – Erba
1991 – Collettiva: un metro quadrato in blu – Villa S. Giuseppe – Erba
1992 – Collettiva: un metro quadrato in bianco – Villa S. Giuseppe – Erba
1993 – Collettiva: Vita di gruppo – Villa S. Giuseppe – Erba
1994 – Collettiva: Pausa d’Orchestra – Villa S. Giuseppe – Erba
1995 – Collettiva: Natura morta con filo rosso – Villa S. Giuseppe – Erba
1996 – Collettiva: Forme e magie di colori – Villa S. Giuseppe – Erba
1997 – Collettiva: Il muro racconta – Villa S. Giuseppe – Erba
1998 – Collettiva: Natura morta con filo rosso – Villa S. Giuseppe – Erba
1999 – Mostra Collettiva – Milano – Ambasciata Americana
2003 – Collettiva Centro Civico Fabio Casartelli – Albese  “La bicicletta”
2003 – Collettiva “Omaggio a Picasso”
2003 – Collettiva “Il Fiore” – Erba
2004 – Collettiva: Omaggio a Olimpia – Villa S. Giuseppe – Erba
2004 – Mostra Collettiva Galleria Artelier -Milano
2005 – Collettiva: Di notte – Villa S. Giuseppe – Erba
2005 – Mostra collettiva Galleria Postart – Brera – Milano
2005 – Mostra collettiva Pognana – Como
2006 – Collettiva –Mani e piedi in vetrina – Milano
2006 – Collettiva Primaveradonna – Biella
2006 – Collettiva Galleria Petrarte – Marina di Pietrasanta (Lucca)
2006 – Collettiva – Oriente – Villa S. Giuseppe – Erba
2007 – Collettiva – La Luce – Villa Imbonati – Cavallasca (Co)
2008 – Collettiva – Il rumore del silenzio – Villa Imbonati – Cavallasca (Co)
2008 – Collettiva Colori nel Parco – Parco di Monza
2008 – Collettiva FormArt – Galleria Zamenhof – Milano
2008 – Collettiva – Dai una mano per dare una mano Cernobbio (Co)
             Asta delle mani donate – Milano
2009 – La bicicletta Incantata – Museo dei Campionissimi – Novi Ligure
2009 – Arte e Benessere – Archigallery – Milano
2013 – Collettiva – Senza Titolo – Biblioteca di Erba (Co)
2013 – Collettiva -La Vignetta – Inverigo (Co)
2018 – Tocchiamo il cielo con un dito – Centro Studi Pariniano – Bosisio Parini

È un arte vera, pulsante d’applaudire soprattutto perchè vuole in prima scena parlare, far danzare le donne nelle loro bellezze, anche nelle loro nascoste fisicità. Questo è almeno negli intenti, c’è in Claudia Amadesi, ancora un lembo di pudore per loro, le rappresenta senza mai il burqua, ma non volerne appone, quasi per sconvolgere i lineamenti fisiognomici che darebbero quasi quel di più.

Pare un arte astratta, carica di voler esprimere tanto, tanto visto, tanto sognato. E la sua pittura perde qualcosa dal suo acuto virtuosismo di modellare, equilibrare forme, i dettagli. E’ un mirabile gioco di assonanze, quasi pare percettire profumi di ambra e mirra. Ma le figure mentre stanno in pose di ballo, movimento appaiono statiche nei loro lauti ed emozionanti equilibri. E questo è quello che mi riporta a pensare che questi grandi lavori siano la trascrizione onirica dell’artista.

Si guardi ancora lo splendido dipinto “Danzatrici”, sembrano nei loro virtuosismi scenici più degli strumenti lasciati lì, sì strumenti pronti per essere suonati, ma invece la visione onirica sembra come se l’artista stessa ne volesse far parte, e forse ne parrebbe bene, così tutto si riempirebbe di gioia ed anche i visi delle donne sorriderebbero a lei, per averle liberate dallo schiavismo ancestrale del’Uomo.

Una delle prime opere astratte

Girasoli e vento

Guarda tutto il mio Portfolio

Hai ancora domande? Contattami adesso!